Alla scoperta di Monasterolo del Castello sul lago d’Endine

Pubblicato il 22 Novembre 2019 Categoria:

Monasterolo del Castello:

Situato sulle sponde del Lago d’Endine nella suggestiva Val Cavallina, sorge il paese di Monasterolo del Castello. Il paese prende il nome da un antico monastero i cui resti sono furono visibili fino al XVII secondo nei pressi della chiesa attuale.

Situato a 30 chilometri dal capoluogo orobico, vi accoglierà un ambiente piacevole e ricco di opportunità: pesca sportiva, escursioni in barca, windsurf e trekking, questo sono alcune delle attività che il territorio può offrire ai visitatori.

Numerose anche le possibilità di svago e relax, tra cui le spiagge, un centro sportivo-turistico e rinomati ristoranti disseminati lungo il litorale lacustre.

Oltre alle attività sportive e le diverse possibilità di svago, Monasterolo del Castello offre siti storici ed artistici di rilievo: la Chiesa del SS. Salvatore con le stazioni della Via Crucis e il Castello di origine medievale.

La chiesa del SS. Salvatore

La chiesa parrocchiale dedicata al Santissimo Salvatore ha origine nel XIII secolo ed è stata ristrutturata intorno al XVIII secolo.

Al singolare e suggestivo sagrato si accede dal borgo attraverso un arco su cui campeggia il mosaico che raffigura l’ingresso di Cristo a Gerusalemme. Il percorso del sagrato è scandito dalle 14 stazioni della Via Crucis collocate in altrettante cappelle del settecento. Ogni scena della Passione è stata eseguita a mosaico disegnati da Trento Longaretti.

Al suo interno, la chiesa del SS. Salvatore, custodisce magnifiche opere pittoriche del XVIII secolo tra cui spiccano la Trasfigurazione di Domenico Carpinoni e un pregevole altare in marmo nero intarsiato della seconda metà del XVIII secolo.

La visita si può definire conclusa solo dopo aver attraversato il secondo portale da cui si esce dal sagrato delle chiesa per sbucare nel piccolo cimitero posto in riva al lago d’Endine.

Il Castello di Monasterolo

Situato su una piccola collinetta di origine morenica posta all’estremità meridionale del Lago d’Endine, sorge il Castello di Monasterolo.

Utilizzato inizialmente come fortezza di rifugio per l’intero borgo durante gli attacchi e il passaggio di eserciti nemici, pian piano l’edificio divenne sempre più una residenza di pregio, restando comunque una dimora fortificata con mura, di conci grossolani e pietre poco lavorate, su tre lati e il lago sulla quarta.

L’ingresso è situato nel lato sud, ed è costituito da un grosso portale in stile gotico: da qui si accede al cortile a base quadrata circondato da cinta muraria dotato di camminamento di ronda e merlature inserite come motivo ornamentale.

La struttura prosegue con la Corte alta a base trapezoidale: un grande porticato e numerose stanze si estendono su due piani. Completa il castello un piccolo cortile a forma irregolare.

Piccolo e grazioso, Monasterolo del Castello nel tempo ha mantenuto intatta la bellezza, grazie anche alle splendide sponde dello lago d’ Endine.

In primavera ed estate il clima mite e la tranquillità dei bellissimi rati sulla riva lo rendono la location perfetta per concedersi un picnic rilassante.

Ma è con la magia invernale che Monasterolo acquista quel fascino unico: la neve rende le case di questo borgo simili a un incantevole presepe, il freddo e il gelo regalano il fascino e il divertimento della superficie del lago completamente ghiacciata, trasformando il borgo in una vera e propria gemma preziosa immersa nella Valle Cavallina.